VQM è una scommessa nata nel 2010. L’anagrafe colloca il suo concepimento alla Civica Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine. La sfida di VQM è quella di filtrare il Contemporaneo in una miscela reazionaria e innovativa. Lo scopo è quello di rinchiudere il Presente in tempi e luoghi estranei. Il fine è quello di scavare nell’assurda attualità per scoprire la sua logica nascosta. VQM concentra la sua ricerca sul ruolo dell’attore e sulla sua funzione vitale all’interno del contesto teatrale. L’attore pensante, che scrive per la scena, la dirige e infine la abita. Nel gennaio 2015, assieme a Teatri di Bari produce “Sei personaggi in cerca d’autore”. Nel 2014 produce “Amleto Fx”(Selezione In-Box 2015; Premio Direction Under 30-TeatroSocialeGualtieri), spettacolo coprodotto con Progetto Goldstein e Teatro dell’Orologio con il quale VQM intraprende un personale percorso di rivisitazione dei classici. Nel 2013 realizza “Bohème!”, coprodotto dal Festival Internazionale Castel dei Mondi, Progetto Goldstein e Teatro dell’Orologio. Nel febbraio 2011 collabora con Teatro Minimo,coproducendo e interpretando “Il sogno degli Artigiani” scritto da Michele Santeramo e diretto da Michele Sinisi col sostegno del Festival internazionale Castel dei Mondi di Andria. Nel 2010 produce “Diss(è)nten”(Premio Next>Generation Festival 2013, Premio della Critica playFestival 2013 – Teatro Atir Ringhiera). VQM è anche attivo nell’organizzazione di festival, percorsi laboratoriali e manifestazioni culturali di vario genere. Nel  novembre 2014 crea, a Bologna, il “Festival 20 30 – Solo posti in ultima fila”, progetto finanziato dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Sempre nel 2014 collabora con il  Teatro Kismet di Bari per la gestione dell’Officina degli Esordi-Laboratorio urbano della città di Bari. Nel 2012 realizza “Il Teatro degli artigiani – Una conferenza spettacolo “, progetto finanziato dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Nel gennaio 2011 è tra i vincitori del Bando della Regione Puglia “Principi attivi 2010 – Giovani idee per una Puglia migliore” con “I Giganti di Domani” progetto laboratoriale su “I giganti della montagna” di Luigi Pirandello volto a favorire l’integrazione di adolescenti extracomunitari. 

VQM is an independent theatre company founded in 2010 by Michele Altamura and Gabriele Paolocà together with other graduates from the theatre academy of Udine, Italy. The company is nomadic but anchored in the Southern region of Puglia.  VQM filters the contemporary to let it blend into a mixture both reactionary and innovative. The company’s goal is to encapsulate our present in spaces unusual to it, digging into the absurdity of these present times to find their hidden logic. In its research, VQM concentrates on the role of the actor and his function inside the theatrical context : an actor who questions, thinks and writes for the stage, who directs, and who finally inhabits the stage. VQM is active in the organization of festivals, workshops and various cultural events. In November 2014 the company created the “Festival 20 30 / Back row seating only” in Bologna, a project funded by the Fondazione del Monte of Bologna and Ravenna. In January 2011 they were awarded the prize “Principi attivi 2010 – Young ideas for a better Puglia” for the project “Giants of tomorrow”, a workshop on Luigi Pirandello’s “The Giants of the Mountain”, which had as its goal the integration of young immigrants.

 Productions include:

 2016 -“Little Europa”, inspired by “Little Eyolf” by Henrik Ibsen. Co-produced by Teatri di Bari and Associazione Gli Scarti (La Spezia).

2015 -“Six Characters in Search of an Author”. A new take on the text by Luigi Pirandello, reinterpreting its setting into the contemporary life of a failed artist distributing flyers for Luigi’s Hamburgers. Co-produced by Teatri di Bari. -“Vivere è guerra con i troll del cuore e del cervello – Un omaggio a Henrik Ibsen”, (“To live is to battle with trolls in the vaults of the heart and the mind – homage to Henrik Ibsen” / “At leve er krig med trolde i hjertets og hjernens hvælv” ) Radio drama / soundscape, which blends 3 of Ibsen’s last plays: Little Eyolf, John Gabriel Borkman, When we dead awaken. Produced for “Tutto Esaurito! Il teatro di Radio3”.

2014 -“Amleto Fx”, an interrogation of the trend of depression of our times. Not Hamlet, but rather a generational monologue. Co-produced by Progetto Goldstein and Teatro dell’Orologio, Rome. Selected for the prizes IN-BOX 2015 and DIRECTION UNDER 30.

 2013  -“Bohème!”, a fable of an obese tricolore clown called Italy taking over the Ministry of Culture. Co-produced by the International Festival of Castel dei Mondi (Andria), Progetto Goldstein and Teatro dell’Orologio. 

 2010 -“Diss(è)nten”, winning the “Next>Generation Festival” prize of 2013, and the Critics’ Prize of the “playFestival” 2013, Milan.